Il fuoco di un cammino

Per quest’anno sul blog avevo fissato degli obbiettivi , ovvero andarmene via di casa , per respirare aria “pulita” . Così ho fatto e tramite il centro di salute mentale mi é stato trovato un alloggio . In questi 2 mesi da circa quasi metà ottobre ad oggi avevo anche l’obbiettivo di trovarmi un lavoro ma non ci sono riuscito . Ho deciso così (forse ) di provare a tornare a casa per vedere un po’ come vanno i rapporti con i miei familiari in particolare mio padre , l’unico genitore che mi é rimasto . Mi é sempre stata rivolta una critica costruttiva sia quando scrivo sia quando parlo di fronte alle persone , cioè che io sono troppo incentrato sul mio mondo interno che sull’esterno . Sulla mia persona insomma , e devo ammettere che é vero e che ciò fa parte della mia “malattia ” dovrei osservare più cosa c’è all’infuori di me sia nei miei scritti sia quando mi rapporto con gli altri . Ma quando sei abituato ad una vita da solo con te stesso é difficile rivolgere lo sguardo fuori. Lo faccio con le metafore . Che per l’appunto sono rivolte dentro me sempre , come quella della metamorfosi da bruco a farfalla . Per questo il mio blog sembra più quasi come un diario che come altro . Mi piacerebbe più criticare la società , cosa mi piace di essa e cosa no , volgere lo sguardo fuori (partendo sempre dal mio punto di vista soggettivo ) al mondo esterno che ci circonda . Ormai però é moda per esempio dare opinioni su tutto . Prendiamo per esempio l’ultima serie della piattaforma Netflix “strappare lungo i bordi ” di zerocalcalre . Tutti l’hanno vista e ognuno aveva in se il bisogno spasmodico come se avesse l’orticaria verso la propria lingua di dare voce al proprio parere verso questa serie . A me non é che mi interessino molto le serie TV e qui torniamo a me (tanto per cambiare …) Io passo il tempo a bruciare tabacco con l’accendino ed inspirare fumo dalla sigaretta , a camminare nel vuoto a fantasticare come sarebbe una vita migliore di quella che sto facendo . Ma so benissimo ormai che senza agito non c’è reazione , come mettere l’acqua in un tegamino e pretendere che questa bolli senza prima accendere il gas . La vita é una questione di chimica , in amore , tra le medicine che prendo , di emozioni che ci fanno alzare o presto la mattina se abbiamo veramente qualcosa di importante da fare o tardi se ci sentiamo tristi e svogliati , e lì la passeremo veramente la giornata nel letto . Ma é anche una questione di istinto di sopravvivenza , quando non hai nessuno accanto e ti devi arrangiare viene fuori il meglio di te , perché sai che o leone o gazzella devi correre per vivere tanto per citare Aldo Giovanni e Giacomo . E quindi in questo fuoco di un cammino meglio correre istintivamente  o camminare  riflettendosi nelle pozzanghere d’acqua che riflettono i nostri volti un giorno stanchi , un giorno tristi un giorno felici ? Io non la so la risposta , secondo me sta nel mezzo , forse sarebbe meglio avere un andatura rapida , senza correre troppo , non venisse mai un esaurimento nervoso .

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. LaMela777 ha detto:

    Se corri troppo non vedi nulla. Meglio un passo lento da osservatore. Per quanto riguarda il “dover” per forza esprimere la propria opinione in ogni circostanza, non lo trovo così sbagliato come atteggiamento. Per me l’errore sta nel voler a tutti i costi giudicare comportamenti e azioni.

    "Mi piace"

  2. LatteScaduto ha detto:

    Scusa ma ormai parlare delle proprie cose interiori, essere profondi, è considerato una malattia da curare?
    E invece dovremmo “…. più criticare la società” ??
    Ma… ma… ma qui stiamo diventando tutti matti?!?

    Piace a 1 persona

    1. centroasociale ha detto:

      In pochi si espongono o espongono i loro problemi , se non un modo anonimo , tutti devo parlare di tutto fuorché di se stessi

      "Mi piace"

      1. LatteScaduto ha detto:

        Anche fare le guerre è insito nell’istinto umano e infatti si sono sempre fatte in ogni epoca, ma ciò non significa che sia giusto.

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...